Ricerca libera

RISULTATI DELLA RICERCA

Notizie trovate: 1

Notizia Data pubblicazione Regioni Tipologia Settori
4383 18/11/2022 Tutte Pareri Lavori ed Opere, Progettazioni, Beni e Servizi, Settori Speciali

Titolo: Prezzi di riferimento ANAC: le stazioni appaltanti possono discostarsi se ritengono di poter porre a base di gara un importo inferiore

Sottotitolo: Ma la Stazione appaltante deve dettagliatamente indicare le valutazioni tecniche compiute

Commento:

I prezzi di riferimento per servizi e forniture pubblicati dall’Autorità costituiscono prezzi massimi di aggiudicazione e un utile parametro di riferimento nella determinazione della base d’asta, dai quali, tuttavia, è consentito discostarsi quando, sulla base delle conoscenze tecniche del mercato di riferimento, la stazione appaltante ritenga di poter porre a base di gara un prezzo più basso. Lo ha ribadito l’ANAC con la Delibera 25 ottobre 2022, n. 499. Nell’ambito di una procedura aperta per l'affidamento del servizio di ristorazione e servizi integrativi, comprensivo di ristrutturazione ed adeguamento tecnologico dei locali ed attrezzature a ridotto impatto ambientale, una società aveva contestato la misura a base d'asta, deducendone la non adeguata remuneratività. La Stazione appaltante, infatti, nel fissare il prezzo a base di gara, non avrebbe tenuto in adeguata considerazione né l'incidenza dei costi derivanti dall'applicazione dei CAM di cui al D.M. 65 del 10/03/2020, né quelli relativi agli investimenti a carico dell'appaltatore per la realizzazione delle cucine interne. La base d'asta, determinata in assenza di un'esplicita analisi di tutti gli elementi incidenti nel servizio, si discosterebbe, peraltro, in maniera consistente, anche dai prezzi di riferimento ANAC L’ANAC ha ricordato che, ai sensi dell’art. 9, comma 7, del d.l. 24 aprile 2014 n. 66, i prezzi di riferimento pubblicati dall'Autorità – elaborati da rilevazioni dei prezzi di mercato per le singole categorie merceologiche “alle condizioni di maggiore efficienza” – “sono utilizzati per la programmazione dell’attività contrattuale della pubblica amministrazione e costituiscono prezzo massimo di aggiudicazione, anche per le procedure di gara aggiudicate all’offerta più vantaggiosa, in tutti i casi in cui non è presente una convenzione stipulata ai sensi dell'articolo 26, comma 1, della legge 23 dicembre 1999, n. 488, in ambito nazionale ovvero nell'ambito territoriale di riferimento. I contratti stipulati in violazione di tale prezzo massimo sono nulli.”. Stando alla norma istitutiva dei prezzi di riferimento, quindi, l’obbligo per le stazioni appaltanti di rispettare i valori di riferimento indicati dall’Autorità è riferita al prezzo di aggiudicazione - rectius contrattuale – e non già a quello a base d’asta. Nel caso di specie, inoltre, la Stazione appaltante ha dettagliatamente indicato le valutazioni tecniche compiute ai fini della determinazione della base d’asta, le quali non appaiono né illogiche né arbitrarie ma, al contrario, risultano analitiche e aderenti alle modalità di esecuzione del servizio, in quanto tengono conto sia dei costi derivanti dall’esecuzione dei lavori di adeguamento della cucina, sia dei notevoli risparmi conseguibili dall’appaltatore mediante l’eliminazione delle voci di spesa delle royalties e delle forniture di materiale compostabile, rendendo, altresì, giustificato lo scostamento del prezzo unitario della giornata alimentare dai prezzi di riferimento per la ristorazione pubblicati dall’Autorità. L’ANAC ha pertanto concluso che le valutazioni tecniche compiute dalla Stazione appaltante al fine di determinare il prezzo a base d’asta non risultavano manifestamente illogiche ed arbitrarie e che lo scostamento dai prezzi di riferimento pubblicati dall’Autorità risultasse giustificato alla luce del prezzo unitario della giornata tipo fissato nel contratto in corso di esecuzione, aggiornato a maggio del corrente anno, e del prezzo di aggiudicazione del contatto, avente ad oggetto il medesimo servizio, stipulato recentemente dalla stessa stazione appalnte per altre due strutture di riposo anziani.

Inserto leggi e regolamenti:
Informazione pubblicitaria: Appaltitalia - Un mese gratis presentando un'azienda amica

Appaltitalia quotidiano iscritto al registro della stampa del Tribunale di Napoli, N.39 del 01/04/2004
Direttore responsabile Dott. Diego La Grassa

Edito da Editanet S.r.l. P. IVA 06646021219
Sede Legale: Via Francesco Lauria - Centro Direzionale Isola F/11 interno 86 - 80143 Napoli
Sede Operativa: CDN Napoli Isola F11 - 80143 Napoli
Tel.: +39 0810208600 / +39 08118658035 - Fax: +39 0810112814
editanetsrl@pec.sinapsis-srl.net
ISSN online: 2531-6095